Sogni e desideri – Adriana Ganzer – 19/02/1999

Presentare Adriana Ganzer in un contesto pittorico mi sembra riduttivo e non calzante al reale. Adriana racchiude nel suo essere artista, partecipe della quotidianità della vita, una serie di espressioni che vanno al dì là di quello che noi riconosciamo come il linguaggio dell’arte, irrequieta e poco stabile nelle sue ricerche, riesce proprio con questa metodologia se vogliamo strana e poco analitica a dare espressioni più complete al proprio modo di colloquiare vuoi con il pennello se non con la penna.
Di lei colpisce più l’espressione incompleta, il possibile attraverso la lettura a più riprese, il proprio itinere non è un percorso logico,  ne ha l’unicità del momento, bensì dilata e assorbe i grandi spazi dell’immaginario dando la possibilità di molteplici interpretazioni.
Sogni e Desideri vuole essere una mostra in cui solo una parte di Adriana esce allo scoperto, rivelando in lei possibili territori da esplorare, reconditi quanto mai nascosti desideri di salvezza dal quotidiano, il sogno così si delinea non nelle sue forme più complete ma idealizzando uno status che la coinvolge e cerca spazi per identificarsi.
L’unico strumento che penso utile per una lettura non prevedibile e scontata, è l’identificazione dell’immagine attraverso i propri desideri, quindi il fare proprio il momento, e partecipare così ai fasti che Adriana ci propone in volute di fumosa nebbia, ricordo di tempi in cui la chiarezza non ci dava tutto il malessere attuale.

A.Pieroni

Author: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *